H2O Magazine

ALPHONSE - SEYCHELLES

L'isola Alphonse è una isola dell'Oceano Indiano che fa parte dell'arcipelago delle Seychelles.
Continua

H²O magazine…pescare viaggiando.

ALPHONSE ISLAND

Il piccolo aereo vira basso sulle acque turchesi e, in mezzo al verde delle palme da cocco, si apre una pista di asfalto: dopo un’ora di volo dalla capitale Mahè atterriamo ad Alphonse Island. Posizionata 90 chilometri a sud delle isole Amirante – scoperte da Vasco de Gama nel 1502 – e 400 km a sud della capitale delle Seychelles, Alphonse costituisce insieme a St François e Bijoutier una destinazione unica per la pesca a mosca nel cuore dell’Oceano, Indiano.

LE FLAT

Le flat intorno alle tre isole ospitano quasi tutte le prede più ambite dal pescatore a mosca d’acqua salata: bonefish, permit, milkfish, GT, tre specie diverse di balestra, barracuda, cernie e, all’esterno dagli atolli, tonni, wahoo e tutte le specie da pesca d’altura.

La quantità di pesci è impressionante: il resort è stato riaperto nel 2000 e l’attentissima gestione della pressione di pesca unitamente alla sensibilità della proprietà per la conservazione dell’ambiente garantiscono la possibilità rara di pescare in un ambiente pressoché incontaminato decidendo di volta in volta quale tipo di pesca praticare.

ALLA SCOPERTA DELL’ISOLA

Il primo giorno si fa conoscenza con l’isola, girandola agilmente in bicicletta, a scoprire la sua incredibile foresta di palme, le spiaggette, i resti dei tempi coloniali e la sua fauna: dalla colonia di gatti selvatici alle centenarie tartarughe, dagli imponenti ragni della noce di cocco alla moltitudine di uccelli marini.

L’organizzazione della vita sull’isola è eccellente, anche per compagni di viaggio non pescatori le attività per riempire la giornata non mancano mai. Solo gli amanti della spiaggia potrebbero rimanere delusi: le maree possono avere escursioni molto ampie e la disponibilità di spiaggia ovviamente ne risente. I bungalow e le suite sono arredati con gusto, la pulizia perfetta, la cucina internazionale.

L’ATTREZZATURA

L’attrezzatura consigliata è quella classica da mare: canne di 9 piedi con code floating dalla 8 alla 12, mulinelli large arbour molto robusti se intendete andare a caccia di GT, finali dalle 12 alle 100 libbre. Nel pomeriggio dopo il briefing le guide vi aiutano nel montaggio dell’attrezzatura: controllano maniacalmente ogni parte del sistema mulinello-coda-finale e rifanno tutti i nodi. Se la procedura può sembrare eccessiva, cambierete idea e li ringrazierete quando avrete in canna un GT che dovete forzare per evitare che si infili nei coralli

ST.FRANCOIS

La maggior parte della pesca si svolge nelle flat di St. Francois, un’isola disabitata con una laguna di circa 40km quadrati fatta di fondi sabbiosi collegati da canali e percorsi da lunghe formazioni coralline. Al mattino ci si imbarca sul catamarano,  che ospiterà la nostra attrezzatura per tutti i giorni di pesca, e dopo 40 minuti di traversata si arriva nella laguna tra Bijoutier e St Francois.

Qui le guide – non viene assegnata una guida fissa ma queste ruotano ogni giorno tra i vari pescatori – recuperano  gli skiff che porteranno nelle zone di pesca.

Gli skiff ospitano 2 pescatori, anche se è possibile avere uno skiff singolo pagando un abbondante, ma secondo me giustificato, sovrapprezzo ed il numero di pescatori è limitato ad un massimo di 12.

Una volta sullo skiff la vostra guida vi chiederà cosa volete pescare, consigliandovi in base alle maree, vero elemento dominante della pesca in questi atolli. I pesci si muovono entrando negli atolli con la marea ed uscendo quando l’acqua cala.

BONEFISH E MILKFISH

Dopo una mezza giornata di ambientamento dedicata ai bonefish in wading, io cominciavo quasi sempre con un tentativo ai numerosissimi milkfish che solcano le acque esterne dell’atollo in branchi numerosi e in continuo movimento. Le guide di Alphonse sembrano avere trovato la ricetta magica per catturare questo pesce con discreta regolarità; se lo avete nella lista dei pesci da prendere, Alphonse è sicuramente la destinazione che fa per voi.

PERMIT

La pesca si svolge in wading sulle flat per bonefish e permit, sullo skiff in drift per trigger e GT, a piedi lungo il bordo esterno dell’atollo con la bassa marea per GT e dalla barca con popper sia all’esterno che all’interno dell’atollo per le prede più grosse.

E’ un posto da emozioni intense, con un livello di servizio difficilmente riscontrabile in resort di lusso e in un ambiente conservato in modo ammirevole.

Max Brondolo

Abbonati ad H2O Magazine per il 2018

49€

per l’abbonamento annuale

per maggiori informazioni 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi